Kartaruga Mascheraio (VE)


Kartaruga è uno dei più importanti atelier di maschere di Venezia, celebre per aver collaborato con importanti produzioni cinematografiche e teatrali, come il film cult Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick, diventando a sua volta parte della leggenda che avvolge la famosissima scena della festa mascherata. L’arte del mascheraio, una delle più magiche di cui Venezia si fa custode, ci riporta, infatti, al mondo affascinante e segreto dei balli mondani, del travestimento e della trasgressione.
Kartaruga, da cartapesta* e tartaruga, animale raffigurato nello stemma in marmo sulla facciata della sua prima sede, nasce negli anni ’80 dalla passione di Franco Cecamore. Le maschere sono strettamente collegate alla storia di Venezia ed alla tradizione del Carnevale: una festa celebrata sin dagli arbori della città lagunare e che vide il suo apice tra il ‘600 e il ‘700 quando durava addirittura mesi e l’uso della maschera era uno status symbol che consentiva un anonimato di cui spesso si approfittava per commettere veri e propri crimini. Tale abuso costrinse la Repubblica di Venezia a limitarne l’uso con regole specifiche sino al 1608, anno in cui le maschere vennero vietate al di fuori dei giorni del Carnevale. La festa venne poi abolita con il Trattato di Campoformio nel 1797 quando Venezia fu ceduta da Napoleone all’Austria che la bandì insieme a molte altre usanze locali. La tradizione del Carnevale sopravvisse solo nelle feste segrete dei palazzi veneziani sino agli anni ’70 quando, con il suo rilancio pubblico, risorse anche l’antico mestiere del mascheraio.

Oggi Franco e la figlia Francesca continuano quest’arte, creando, rigorosamente a mano, qualsiasi tipo di maschera, dalle più tradizionali della Commedia dell’Arte, sino a quelle più alla moda in pizzo, Swarovski e piume, partendo da un modello del volto della maschera in creta o argilla da cui viene creato uno stampo in negativo su cui è adagiata la cartapesta che viene poi lasciata indurire e quindi estratta, rifinita e decorata. Tra le tante creazioni di Kartaruga, le più iconiche sono forse il volto femminile incorniciato da piume e quello maschile decorato con motivi in stile pizzo macramè che sono state scelte dal produttore del film Eyes Wide Shut, Jan Harlan, su segnalazione della costumista del film che ne aveva viste di simili in un negozio di Camden Town a Londra, che si riforniva di maschere proprio da Kartaruga, ed indossate da Tom Cruise e la modella Mandy nella scena culto del film (se volete approfondire tutta la storia, potete guardare il bellissimo documentario a firma di Massimiliano Studer e Filippo Biagianti e prodotto da FormaCinema che svela proprio tutta la storia della maschere del film). Ma sono molte altre le produzioni e le celebrity con cui l’Atelier ha collaborato come David Bowie, in occasione della campagna pubblicitaria di Louis Vuitton fornendo alcune delle maschere per la festa protagonista dello spot, il film Gambit dei fratelli Cohen, per cui ha creato la maschera del leone indossata da Alan Rickman, Casanova per il quale ha fornito la bauta di Heath Ledger, o le creazioni per le boutique del celebre Cirque du Soleil.

La maschera dei vostri sogni si può trovare al negozio Canovaccio in Calle delle Bande, vicino a Rialto o all’Atelier Kartaruga, nella vicina Calle del Paradiso, dove è anche possibile prenotare una visita in cui, oltre a raccontarvi la storia del Carnevale, si può imparare a decorare una maschera (che poi potrete portarvi a casa).

IL SEGRETO

Le maschere veneziane vengono realizzate in *cartapesta, un prodotto di riciclo realizzato con carta straccia macerata in acqua bollente e quindi triturata: il materiale ideale per la loro realizzazione perché leggerissimo, resistente e praticamente infrangibile. Oltre alla sua leggerezza e alle rifiniture accurate, una vera maschera artigianale veneziana si riconosce, infatti, dalle accentuate irregolarità sul retro, tipiche della lavorazione manuale della cartapesta.

Info Utili:

Kartaruga, Mascheraio
Calle Paradiso, Castello 5756-5758
30122 Venezia
+39 041 2410071

Canovaccio
Calle delle Bande, Castello 5369 – 5370
30122 Venezia
+39 041 5210393

Altri articoli

Amerigo Vespucci - Veneto Secrets
Amerigo Vespucci: i segreti della nave più bella del mondo
16 ottobre 2017
Secret Bistrot Al Tezzon - Veneto Secrets
Secret Bistrot @ Al Tezzon (PD)
11 ottobre 2017
Biennale Arte 2017 - Veneto Secrets
Biennale Arte 2017: cosa vedere
10 ottobre 2017
Vetro di Murano: gli oggetti del desiderio di The Venice Glass Week - Veneto Secrets
Vetro di Murano: gli oggetti del desiderio di “The Venice Glass Week”
3 ottobre 2017
30092017-30092017-L1240993-2 2
Caffè a Venezia: dal primo bar d’Europa all’ultima torrefazione artigianale
3 ottobre 2017
Antica Torrefazione Caffè Girani - Veneto Secrets
Antica Torrefazione Caffè Girani (VE)
3 ottobre 2017
Aristide Najean - Veneto Secrets
Aristide Najean, Artista del Vetro (VE)
3 ottobre 2017
Hotel Danieli - Veneto Secrets
Hotel Danieli Venezia (VE)
27 settembre 2017
Luna Sentada - Veneto Secrets
Luna Sentada (VE)
27 settembre 2017