I bacari di Venezia più belli

Per chi ama Venezia, godersi una pausa nei bacari tipici è un’esperienza unica, una di quelle istituzioni squisitamente locali, come i karaoke a Tokyo, i jazz club a NY o i pub a Londra, che si possono trovare solo qui e in nessuna altra città al mondo. Storicamente, il bacaro è un bar osteria dove, di solito fino all’orario dell’aperitivo, ci si incontra per un bicchiere di vino, tante chiacchiere ed un buon cicchetto. Dal latino ciccus, ovvero piccola quantità, i cicchetti possono considerarsi gli antenati del finger food: piccoli antipastini facili da destreggiare con una mano impegnata da un calice di vino. Il nome Bàcaro pare invece derivi in primis da Bacco, Dio del Vino, e quindi dal veneziano “far bàcara” ovvero divertirsi e stare in compagnia.
Omaggiandone, appunto, l’etimologia, vi proponiamo una lista, aperta a nuove meritevoli aggiunte, dei più bei bacari di Venezia in senso lato, ovvero spaziando da quelli più tradizionali a veri e propri ristorantini gourmet. Secondo lo spirito che anima la nostra Guida, vi raccontiamo solo quei luoghi, seppur autentici, estranei alle vie più turistiche dove poter bere del buon vino certi dell’ottima qualità dei prodotti, di una gestione veneziana doc e da un’estetica curata che non può mai prescindere da un bancone di legno importante, luci soffuse e dettagli, siano essi luci, bicchieri o decori, di pura maestria artigiana veneziana.
(Rigorosamente in ordine alfabetico)

Cantina Do Mori (a Rialto)

Uno dei bacari più antichi, la sua apertura risale addirittura al 1462, è famoso per essere stato tra i “bar” più frequentati da Giacomo Casanova. Il locale, curiosamente l’unico bacaro di Venezia con una doppia entrata da due diverse calli vicino al Ponte di Rialto, è gestito da oltre 20 anni da Gianni e Rudi, osti per vocazione, che sapranno consigliarvi i migliori vini del territorio da accompagnare a qualche cicchetto tipico, come i francobolli, i mini tramezzini tipici della città lagunare, i crostini al baccalà mantecato e tantissime varietà di polpettine. Davvero caratteristici gli interni, decorati con stampe e foto antiche, pentole in rame che pendono dal soffitto e grandi damigiane per servire il vino alla spina. Nonostante sia uno dei bacari più famosi per la sua storicità, una visita ai Do Mori riesce sempre ad offrire la rara e piacevole sensazione di aver scoperto un angolo senza tempo della Venezia più autentica e affascinante. Guarda la gallery.

(n.b. non hanno un sito o una pagina Facebook, felici sostenitori che gli basti un fax)

I bacari di Venezia più belli - Veneto Secrets

Estro (Ai Frari)

Estro è un ristorantino gourmet di “design” che conserva però l’accogliente atmosfera di un bacaro tradizionale. Nonostante la sua tipicità e il calore degli interni, gli appassionati di home decor non potranno, infatti, non notare i dettagli curatissimi come la parete di stucco grigio che contrasta con il legno naturale dei tavolini ottenuti dal recupero di vecchie briccole (i tipici pali di legno piantati in Laguna) o il tocco rosso delle luci realizzate in vetro di Murano dall’artista Marco Salvadore. Estro è l’indirizzo perfetto per un pranzo o cena a base di pesce fresco, senza rinunciare ad un antipasto ispirato ai classici “cicchetti” veneziani, orchestrata ad arte dallo chef nippofiorentino Masahiro Homma. I piatti possono essere accompagnati a oltre 700 etichette di vini naturali, in prevalenza biologici e biodinamici, selezionate con cura dai titolari, i fratelli Alberto e Dario, osti di grande capacità e professionalità che hanno saputo creare uno dei pochi locali di Venezia che coniugano alla perfezione storia e contemporaneità sia nell’interior che nella proposta eno-gastronomica. Guarda la gallery.

www.estrovenezia.com

I bacari di Venezia più belli - Veneto Secrets

I Rusteghi (vicino a Rialto)

I Rusteghi è Giovanni d’Este, un oste con la O maiuscola capace di intrattenere e coccolare la sua clientela, consigliando ottimi vini che ricerca con passione in giro per il mondo, puntando ad un’altissima qualità dei suoi prodotti. Basti pensare che è l’unica “osteria” veneziana che è stata scelta per diventare Ambassador dello champagne Krug. Qui, in un piccolo campo nascosto, ingentilito dalla luce delle abat-jour e dalla musica jazz, il piccolo bistrot offre ricercati taglieri di salumi e formaggi e ricercati secondi di carne e di pesce pescato all’amo. Perfetto anche per una pausa a base di ottimi vini che Giovanni seleziona in tutto il mondo, magari accompagnati dai suoi famosi paninetti gourmet, un’arte appresa dal padre, a sua volta famoso oste e tartinista, professione di cui si fa oggi orgoglioso custode. Guarda la gallery.

www.airusteghi.com

I bacari di Venezia più belli - Veneto Secrets

Vino Vero (Fondamenta della Misericordia)

Il bacaro, aperto nel 2014 da 4 soci, offre ottimi vini biodinamici e biologici (lo spritz non viene servito) da accompagnare a un’interessante carta di cicchetti che, oltre a quelli tradizionali, propone ingredienti con accostamenti inediti come il salame di cinghiale, la robiola di capra, i pomodori secchi, il miele o l’avocado; complice il fatto che uno dei titolari, Matteo Bartoli, è produttore di vino in Toscana, regione dalla quale provengono anche parte dei prodotti impiegati in cucina. Molto curati gli interni del piccolo locale, uno dei più chic di Venezia, esempio di riuscito connubio tra design e tradizione. Vino Vero offre la possibilità di sedersi sui piccoli tavolini adagiati lungo il Rio della Misericordia, da cui, per la fortunata posizione baciata dal sole, si gode di un bellissimo tramonto all’ora dell’aperitivo.

Pagina Facebook Vino Vero

I bacari di Venezia più belli - Veneto Secrets

Itinerari

Se avete voglia di fare un giro a bacari e volete provarne uno di quelli che vi abbiamo elencato, vi consigliamo tre zone di Venezia in cui ci sono altri ottimi locali a breve distanza tra loro, perfette quindi per una “bacarata”:

  1. Zona Frari, in cui oltre a Estro, potete visitare Il Mercante (ovvero l’antico Caffè dei Frari), da provare la sera per gli ottimi cocktail, Cantina Arnaldi e Adriatico Mar (è stupendo l’aperitivo seduti o “ormeggiati” sul piccolo pontile a lato del locale); a 10 minuti, lungo la bella Fondamenta Nani e proprio davanti al pittoresto Squero di San Trovaso, si trova l’Osteria al Squero, un altro bacaro molto suggestivo al tramonto;
  2. Zona Ponte di Rialto in cui, oltre a I Rusteghi e Cantina Do Mori, potete visitare Cantina Do Spade, All’Arco e Al Mercà;
  3. Zona Fondamenta della Misericordia, in cui oltre a Vino Vero, potete fermarvi Al Timòn, al Paradiso Perduto e, se avete fame, in direzione Strada Nova, Alla Vedova, un’osteria ristorantino famosa per le polpette fatte in casa.

Altri articoli

Ospedale gatti Venezia - Veneto Secrets
Veneto Hidden Corners: i gatti dell’Ospedale Civile di Venezia
Osterie Meccaniche - Veneto Secrets
Osterie Meccaniche (PD)
Vatican Chapels - Veneto Secrets
Le Vatican Chapels e la Soundtaste Experience a San Giorgio
Chat Qui Rit - Veneto Secrets
Chat Qui Rit (VE)
Corte di Gabriela (VE)
Osteria da Giovanni - Veneto Secrets
Osteria da Giovanni (VE)
Trattoria alla Cima - Veneto Secrets
Trattoria alla Cima (TV)
Pedalando in bicicletta dal Lido di Venezia a Pellestrina - Veneto Secrets
In bicicletta dal Lido di Venezia a Pellestrina
Veneto Hidden Corners - Veneto Secrets
Veneto Hidden Corners: i panni di Castello