Fondazione Bisazza (VI)

La Fondazione Bisazza per il Design e l’Architettura Contemporanea si trova a Montecchio Maggiore, piccolo comune a pochi chilometri da Vicenza famoso per la presenza dei due Castelli di Romeo e Giulietta che dominano la zona collinare. Secondo la tradizione a Montecchio soggiornarono sia il Re di Spagna Carlo V, durante il suo viaggio verso Bologna e verso la sovranità d’Italia, conferitagli nel 1530, sia Napoleone Bonaparte, anch’egli incoronato nel 1805. Felice risultato della conversione di un’ex area produttiva in spazio espositivo su progetto dell’architetto Carlo Dal Bianco, la Fondazione accoglie il visitatore con un curatissimo giardino dove si alternano elementi naturali e sculture alberiformi in mosaico. 

L01A9750

La storia di Bisazza parte da una scommessa imprenditoriale, lanciata negli anni Cinquanta da Renato Bisazza che inizia a produrre mosaico in vetro diventando, nel tempo, uno dei marchi italiani più importanti nel settore del lusso e del design, dialogando con artisti e progettisti di fama internazionale chiamati a interpretare creativamente il mosaico e le sue possibili applicazioni. Padre di Piero e Rossella, Renato scompare nel 2012 anno in cui, per volere della famiglia, apre i battenti la Fondazione con l’intento di raccogliere e condividere il patrimonio di opere creato nel tempo. Con una superficie di 7.500mq la Fondazione ospita una ricca collezione permanente che include opere e installazioni di designers che hanno fatto la storia. Tra installazioni site-specific, come la suggestiva riflessione sul tempo e sullo spazio di Richard Meier, la “RockChamber” di Arik Levy, o “1:1” dell’architetto inglese John Pawson, si trovano opere sperimentali e oggetti inediti e surreali. Tra i tanti la re-interpretazione dell’iconica poltrona Proust di Mendini, interamente coperta di tasselli policromi, o i suoi “mobili da uomo” che riprendono elementi iconici della moda maschile, come il Borsalino, la scarpa a stivaletto o la giacca, trasformandoli in inusuali oggetti d’arredo fuori misura.

L01A9683

Ogni sala riserva una sorpresa e la visita si sviluppa tra stupore e ammirazione, in un mondo fantastico fatto di colore e fantasia tradotto in un vivere gli spazi non-convenzionale e artistico. Tra opere di Patricia Urquiola, Studio Job, Aldo Cibic, Ettore Sottsass, Marcel Wanders, Arik Levy, solo per citarne alcuni, la Fondazione ospita anche un’area interamente dedicata alla fotografia di architettura, realizzata nel 2015. Qui, magistralmente illuminati, si possono ammirare gli scatti di Sugimoto, le atmosfere pure di Basilico, le particolarissime immagini di Candida Höfer, gli storici ritratti di New York di Berenice Abbott, che iniziò la sua carriera nel 1923 come assistente di Man Ray. L’attività della Fondazione Bisazza include l’organizzazione di talk con i designer e mostre temporanee, l’ultima dedicata al maestro Nobuyoshi Araki con l’esposizione di oltre settanta scatti del fotografo giapponese, tra vedute cittadine e nudi femminili. Attualmente rimangono in mostra i tredici bellissimi scatti realizzati per la campagna pubblicitaria Bisazza 2009. Ogni prima domenica del mese la Fondazione organizza delle aperture speciali, si consiglia la prenotazione della visita guidata per apprezzare al meglio la collezione. Per concludere l’esperienza, suggeriamo una visita alle tante cantine che si trovano sulla strada dei vini dei Colli Berici, zona rinomata per la produzione di ottimi rossi e per le magnifiche ville palladiane, respirando tutta l’arte e la bellezza di un territorio ricco di storia e di particolarità.

Il segreto

I designers di Studio Job, artefici della fiabesca installazione “Silver Ware” che riproduce un prezioso set di argenteria di famiglia in formato gigante, non avendo a disposizione delle tessere di mosaico color argento, hanno dovuto optare per  l’oro bianco 24kt. Il risultato sono otto preziosissime maxi-sculture che  trasportano il visitatore in una versione decisamente super-lusso di Alice nel Paese delle Meraviglie!

Info utili

Fondazione Bisazza
Viale Milano, 56 
36075 Montecchio Maggiore, Vicenza
+39 0444 707690

Visite guidate:

Durata: 1.30 ore
Ingresso: gratuito (prenotazione fino ad esaurimento posti)

Altri articoli

Galleria24 - Veneto Secrets
Galleria 24 (VE)
Villa 61 Maison de Campagne (BL)
Hotel Danieli - Veneto Secrets
Hotel Danieli Venezia (VE)
Museo Salce - Veneto Secrets
Manifesti pubblicitari vintage: il Museo Salce
Giusy Moretti - Veneto Secrets
La casa museo di Giusy Moretti, l’artista delle Murrine gioiello
Distilleria Le Crode (BL)
Cibiana di Cadore street art - Veneto Secrets
Cibiana di Cadore, quando la street art salva la storia
Taverna La Fenice - Veneto Secrets
Chic Bar Taverna La Fenice (VE)
Hotel Villa Cipriani - Veneto Secrets
Pool Bar Rosmarino (TV)