Villa 61 Maison de Campagne (BL)

Villa 61 nasce da una magica alchimia: il mondo bucolico della campagna bellunese, ai piedi delle Dolomiti patrimonio dell’umanità UNESCO, scelto come dimora d’elezione da una mademoiselle française con la passione per l’interior design, la cucina e l’arte dell’accoglienza. E’ qui, nella piccola Limana, famoso per essere il Paese del Miele, che nel 2011 Eleonore e Massimo, architetto, dopo due anni di ricerche, trovano il luogo perfetto per creare la loro Maison de Campagne: un vecchio casale in pietra di fine ‘800 con una meravigliosa vista di 180° che va dalle vette feltrine alla conca dell’Alpago, un giardino fiorito e tutt’intorno la pace della campagna veneta più generosa. Se il restauro architettonico è stato realizzato in bioedilizia, impiegando solo materiali naturali come l’argilla, la pietra e il legno per ottenere la massima salubrità degli ambienti, lo charme rustico dell’interior design è ispirato a dare una seconda vita ad oggetti dimenticati, ognuno ricco di una storia da raccontare. Originali e ricercati gli arredi: dai balconi vintage in colori pastello che decorano i muri della sala colazioni ai mobili in ferro battuto, dalle porte con i vetrini alle bellissime cementine anni ’30 che Eleonore e Massimo hanno trovato in Val Tidone da un maestro nel recupero di questo tipo di pavimenti, sino agli interruttori, molto chic, in ceramica bianca e in bakelite nera che provengono dalla Germania. Ogni dettaglio è il frutto di una lunga ricerca nei migliori mercatini d’Europa (in Veneto il must è Piazzola sul Brenta). Su tutto, un inconfondibile tocco francese come le pampilles, deliziose luci fatte di cristalli, o i tessili con decori floreali che ricordano le nuance della Provenza.

E se pensate che la bellezza del design sia la principale attrattiva di Villa 61, non avete ancora provato la colazione: un vero evento. E’ proprio durante questo momento della giornata che Eleonore vi saprà coccolare al meglio con un’incredibile varietà di torte casalinghe preparate con la frutta di stagione, pane artigianale, granola golosa, e marmellate fatte in casa, yogurt della latteria di Sedico (quello con la crema come si trova solo in montagna) da gustare con il miele di Limana o con la crema di Speculoos, preparata con i biscottini alle spezie e, ovviamente, non possono mancare i buonissimi croissant e i pain au chocolat di Villa 61, che devono sapere di burro e di Francia come dice Eleonore. E come se non bastasse fare colazione con vista sulle Dolomiti, a farvi compagnia troverete spesso i caprioli che scorrazzano per il giardino attirati dal frutteto della villa. Le due camere, molto romantiche, sono pensate per offrire il massimo comfort “naturale” con materassi e reti Dorelan, piumini in Vera Piuma delle Dolomiti e prodotti per toilette naturali a base di oli essenziali. Molte le novità in arrivo come la creazione di altre camere nello spazio che occupa il vecchio fienile, l’apertura di una piccola zona spa nella porcilaia e, visto il successo della colazione, un servizio di home restaurant su richiesta. Tanti anche gli eventi e i workshop creativi che vengono organizzati qui, principalmente durante il weekend. Dai corsi di ceramica alla calligrafia, dalla fotografia al décor, Villa 61 è senza dubbio un luogo votato al bello in tutte le sue espressioni.

Vi consigliamo di prenotare una camera e chiedere – disponibile solo su prenotazione – della colazione brunch dolce e salata con affettati e formaggi locali per provare il meglio dei prodotti genuini e golosi delle Dolomiti in un’atmosfera incantata. Inoltre, per completare l’esperienza vissuta a Villa 61, Eleonore è bravissima nel consigliare itinerari turistici su misura in base ai gusti e agli interessi degli ospiti, così da poter vivere appieno il soggiorno nel “bellunese”, un territorio davvero tutto da scoprire.

Il segreto

Eleonore e Massimo hanno mantenuto e restaurato molti degli arredi originali che erano stati lasciati nel casale. L’antico portone d’ingresso, per esempio, è oggi la porta della camera Lumière che è stata arricchita di un originale decoro in ferro battuto trovato in un mercatino e diventato anche il logo di Villa 61, un omaggio al passato e un portafortuna per il futuro.

Altri articoli

Galleria24 - Veneto Secrets
Galleria 24 (VE)
Enoteca Segreta - Veneto Secrets
Enoteca Segreta (VR)
Giardino Bistrot (TV)
Hotel Danieli - Veneto Secrets
Hotel Danieli Venezia (VE)
Bon Tajer - Veneto Secrets
Bon Tajer (BL)
Cibiana di Cadore street art - Veneto Secrets
Cibiana di Cadore, quando la street art salva la storia
Taverna La Fenice - Veneto Secrets
Chic Bar Taverna La Fenice (VE)
Hotel Villa Cipriani - Veneto Secrets
Pool Bar Rosmarino (TV)
Fondazione Bisazza - Veneto Secrets
Fondazione Bisazza (VI)