Bottega del Vino (VR)

Più che bottega, un tempio sacro del vino. Tra i più antichi e ricchi di storia locali italiani, l’avventura della Bottega inizia nel ‘500, durante il dominio della Serenissima Repubblica di Venezia con il nome di Osteria lo Scudo di Francia a causa della vicinanza con l’allora consolato francese. Durante l’impero austro-ungarico nel XVIII secolo cambia il nome in Osteria la Biedemeier e nel 1890, ad opera dei fratelli Sterzi, diviene la “Bottega del Vino”. Nel 1957 viene acquistata dalla famiglia Rizzo – Grigolo, che la trasforma in un ristorante vero e proprio e, grazie al suo gestore Silvano Piacentini, inizia ad arricchirne la cantina anche con vini internazionali. Infine, nel 1987 viene comprata da Severino Barzan e Giovanni Pascucci sino al 2010 quando la proprietà passa alle Famiglie dell’Amarone d’Arte.
Gli interni, inalterati da oltre 150 anni, esibiscono con orgoglio ogni anno della sua storia tra bottiglie antiche e aforismi sul mondo del “bere” della fine dell”800. La lista degli avventori celebri è davvero lunga: da Umberto Boccioni a Ernest Hemingway, dalla regina d’Olanda a Hillary Clinton e chissà quanti segreti custodiscono le sue antiche mura testimoni di alcuni tra i meeting politici ed artistici più importanti della storia!

Oggi è grazie alle storiche famiglie della Valpolicella, imprenditori vinicoli tra i più importanti in Italia – Allegrini, Begali, Brigaldara, Guerrieri Rizzardi, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Venturini, Zenato – che la Bottega continua a far vivere le migliori tradizioni veronesi. Ma il suo vero tesoro è custodito nella meravigliosa cantina, una delle più belle al mondo e la più “importante” del Veneto, che conta 14mila vini provenienti da 5 continenti e circa 120 vini quotidianamente in mescita dove etichette locali, tra cui le migliori bottiglie di Amarone, si mescolano al Cognac A.E.DOR Reserve n. 5 anno 1840 Excellence (del valore di 50.000 euro), grandi Borgogna e preziose annate di Château Mouton Rothschild. Non a caso, dal 1996 al 2003 la Bottega ottiene dalla rivista Wine Spectator il prestigioso premio “Wine Spectator Excellence” e dal 2004 al 2015 il “Wine Spectator Grand Award”.

Oltre a degustare vini e bevande alcoliche, la Bottega è anche il luogo perfetto per assaggiare il meglio della tradizione culinaria veronese a partire dal risotto all’Amarone o i bigoli all’anatra sino a proposte più leggere proposte in chiave internazionale. Potete prenotare in una delle signorili salette nella zona ristorante o, per una cena davvero indimenticabile, il suggestivo tavolo situato in una delle alcove della cantina che può accomodare sino a 10 persone.

Il segreto

Dal 2004 sino al 2015, una replica esatta della Bottega si trovava tra la Quinta e la Cinquantanovesima strada, a NY. Oggi chiusa a causa di traversie immobiliari, è stata per anni la celebre testimonianza dell’importanza che i vini italiani ricoprono a livello internazionale.

Info utili

Bottega del Vino
Via Scudo di Francia 3
37121 Verona
+39 045 800453

Altri articoli

La Muda di San Boldo - Veneto Secrets
La Muda di San Boldo (TV)
Balobino - Veneto Secrets
Enoteca Osteria Balobino (PD)
Ottone - Veneto Secrets
Ristorante Birraria Ottone (VI)
Trattoria Filippetto - Veneto Secrets
Trattoria Filippetto (VI)
Oriental Bar Metropole - Veneto Secrets
Oriental Bar, Metropole Hotel (VE)
Pizzolato
Le più belle cantine di design del Veneto, tra degustazioni e sostenibilità
Natura in posa, le “vanitas” più belle del mondo in mostra a Treviso
Agriturismo La Paterna - Veneto Secrets
La Paterna (TV)
Ristoranti con cucina a vista - Veneto Secrets
Ristoranti con cucina a vista: è showtime!